• SABATO 4 DICEMBRE 2021 - S. Barbara vergine

Nutrizione artificiale, servono nuovi modelli assistenziali

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Adnkronos.com e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


Servono nuovi modelli clinici e assistenziali, a cominciare dalla de-ospedalizzazione col conseguente trattamento domiciliare direttamente a casa, per i bambini malnutriti e gli adulti affetti da patologie croniche gastrointestinali, neurologiche e oncologiche che necessitano di nutrizione artificiale perché non più in grado di alimentarsi autonomamente. Sono 40000 in Italia i pazienti e di tutte le età: nel nostro Paese mancano percorsi comuni e un quadro normativo di riferimento e l'assistenza è frammentaria con notevoli differenze tra regioni e anche all'interno di una stessa regione. A Messina sarà fatto il punto sulle prospettive e su come migliorare il sistema siciliano con una proposta di progetto di Rete dedicata alla nutrizione artificiale, sabato 30 ottobre nell'Aula Magna “Filippo De Luca” (Pad. NI) del Policlinico Gaetano Martino, con gli interventi previsti del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri e dell’assessore regionale Ruggero Razza. L'evento, con inizio alle ore 9.30, è promosso da A.N.N.A. (Associazione Nazionale Nutriti Artificialmente), presieduta da Alessandra Rivella, e si svolgerà in collaborazione con l’UOSD di Gastroenterologia pediatrica e Fibrosi cistica dell'Università di Messina diretta da Claudio Romano.



Sannioportale.it