• VENERDÌ 10 LUGLIO 2020 - S. Felicita martire

Moglie del boss, operai in nero e finti separati: i furbetti del reddito di cittadinanza

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Fanpage.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.



Sono 18 le persone denunciate in Calabria perché usufruivano del sussidio pur non avendone diritto. Come scoperto dai carabinieri di Taurianova, tra gli altri anche la moglie di un boss di ‘ndrangheta, persone residenti da anni fuori regione e altri che indicavano residente fittizie in ruderi fatiscenti.
Continua a leggere



Macrolibrarsi
Sannioportale.it