• SABATO 15 MAGGIO 2021 - S. Torquato martire

Battista ci dice...Lasciamoci andare: il video

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright tg24.sky.it e ne è vietata la riproduzione, anche parziale.


“Lasciamoci andare”, il mio nuovo singolo, rappresenta per me una vera e propria rinascita, sia artistica che personale. Nel corso degli anni mi sono spesso sentito dire che avevo molto talento, ma, al tempo stesso, che dovevo cercare una mia dimensione, un mio stile unico e riconoscibile e, con questo brano, penso di esserci riuscito. Il Pop mi fa stare bene, da sempre e cosa c’è di più Pop di questa canzone? Avevo il desiderio e il bisogno di evadere dalla situazione attuale di pandemia, restrizioni e limitata libertà, con uno sguardo nostalgico verso un clima spensierato che, in questo ultimo anno, appare così lontano ed irraggiungibile. Inoltre, volevo ricordare alle persone quanto è bello vivere; nonostante tutto, dobbiamo essere forti, continuare a credere nei nostri sogni, nelle nostre passioni, in un giorno migliore, o meglio, in una vita migliore. Dobbiamo tenere a mente che tutto ha un inizio ed una fine ed è necessario gustarsi la vita istante per istante. Ho deciso di scrivere questo pezzo per ricordare a tutti noi di non avere paura della vita e di tutte le sue sfumature; di accettarsi e di abbattere tutti i pregiudizi, di amare e di lasciarsi amare. Come espresso nel testo, non dobbiamo avere timore di “lasciare tutto indietro e poi ricominciare”, perché, “qualche volta può far bene pure il male”. Occorre lasciarsi andare alla serenità, che nel brano paragono alla notte, quel momento magico a fine di ogni giornata in cui tutto ha una percezione differente. E’ come se ogni cosa sembrasse più facile, più vissuta, più vera. Sono una persona che crede fortemente nell’amore, anche se sono single da tanto tempo: ho voluto ricordare, scrivendo questa canzone, che bisogna concedersi “all’amore”, perché l’amore “ci salverà”. In fin dei conti, l’amore è tutto quello che ci è rimane e lo farà sempre. Pensate ad una vita senza l’amore e l’affetto di un genitore, di un/a amico/a, di un/a compagno/a, od, addirittura del proprio animale? Sarebbe una vita triste, priva di senso, totalmente noiosa. Con chi condivideremmo le nostre gioie, le nostre soddisfazioni e perfino i nostri fallimenti e le nostre delusioni? Abbiamo bisogno d’amore, in qualità di esseri umani e questo periodo ce l’ha insegnato senza riserve. L’intento principale di “Lasciamoci Andare” è proprio questo, far arrivare messaggi di speranza, positività e condivisione, perché l’esistenza, se non condivisa con le persone che ci stanno accanto, perde di significato. Con questo singolo spero di poter regalare, almeno per qualche minuto, un attimo di leggerezza e spensieratezza, di cui tutti necessitiamo. Il brano è accompagnato dal videoclip ufficiale, girato dalla regista e videomaker sarda Francesca Gallina e traspone in immagini, il senso del pezzo, la voglia di vivere, come se fosse un inno, audiovisivo, alla positività. Da qui, da questa idea di base, è partita la scelta di una location come la discoteca, una venue, più di qualsiasi altra, rappresentativa della notte e della leggerezza, leggerezza intesa non come superficialità, ma come liberazione dai pensieri negativi, dalle preoccupazioni ed un luogo legato strettamente alla condivisione ed all’allegria. I protagonisti della clip, mantengono attorno a loro un velo di indecifrabilità, nel quale chiunque può immedesimarsi. Un locale pieno di vite che si intrecciano per una notte. Musica ad alto volume, sempre più incalzante, che lascia spazio solo all’unico mezzo di comunicazione che parla senza dire una parola: gli occhi, con i loro sguardi. Occhi che ridono, seducono, lasciano intendere, cercano e vengono cercati. Così, tra un drink e l'altro, il ricordo di ciò che è stato si confonde con la voglia di riprovarci, di tentare di nuovo, perché la vita è questo, una continua ricerca della nostra strada, che va percorsa con le persone che amiamo. La produzione del pezzo è stata affidata a Ric de Large e Dessa One, con l’ausilio delle chitarre di Pietro Spisni e la mia firma come autore e compositore. Abbiamo lavorato al brano ricercando un sound che rispecchiasse sia quello che sono io, come artista e come persona, sia il messaggio che volevo trasmettere, per un prodotto finale fresco, attuale, che strizza l’occhio all’estate grazie a sonorità molto pop ed elettroniche. Non so se posso definirmi un cantautore, ma so che adoro scrivere canzoni e cantare di me alla gente, trovare storie in comune ed emozionarmi con loro: la musica mi ha salvato da situazioni e persone. Sono molto autocritico e determinato; questo mi aiuta a lavorare ed a migliorare me stesso ed i miei brani in maniera costante, quasi maniacale, con una continua ricerca della perfezione, che va dal suono all’originalità. Amo essere contemporaneo, “sempre sul pezzo” come si suol dire e, perché no, anche un passo avanti. Cerco di proporre sempre brani che non siano banali, ma semplici, immediati; che arrivino al cuore donando emozione ed energia.



Sannioportale.it