• GIOVEDÌ 26 GENNAIO 2023 - S. Paola vedova

ATTENZIONE
Tutto il materiale presente in questo articolo è coperto da Copyright Aduc.it a norma dell' art. 70 Legge 22 aprile 1941 n. 633. Le immagini presenti non sono salvate in locale ma sono Copyright del sito che le ospita.



‘Plastic Odyssey’ vuole trasformare la plastica degli oceani in carburante per le navi

 “Facciamo gli ultimi aggiustamenti del rimorchio e mettiamo la barca in acqua”, annuncia Simon Bernard ai volontari. L’équipe di “Plastic Odyssey” sta per fare il varo ufficiale della sua nave, prevista per venerdì 15 giugno a Concarneau. Questa nave di sei metri di lunghezza, equipaggiata con un pirolizzatore, è in grado di trasformare dei rifiuti di plastica non riciclabili in carburante Da dieci giorni, i giovani del “Plastic Odyssey” - Simon Bernard, Alexandre Dechelotte, Bob Vriguaud e Benjamin de Molliens, tra i 24 e i 30 anni -grossomodo non dormono più. Una decina di volontari li hanno raggiunti per l’ultima linea diritta dell’assemblaggio dei pezzi. Tra loro, Jules, 29 anni, ex-ingegnere di Déclathon, che ha visto un’intervista di Simon Bernard la scorsa settimana e si è precipitato nel cantiere solo 48 ore dopo, all guida del suo camion. C’è anche Manon, giovane dottore in economia dell’ambiente, in questo momento disoccupato, che è venuto a dar man forte da un mese e mezzo. Tutti sono attratti dalla “sfida tecnica e il valore del progetto”. “Iniziare la transizione” All’origine di questa avventura, c’è dunque Simon Bernard, ingegnere diplomato alla scuola della marina mercantile. Il giovane uomo, una sorta di incarnazione ...
Testi ed immagini Copyright Aduc.it



Sannioportale.it