Salute: perchè l'uomo promosso dalla Lorenzin a Bruxelles va rimosso (20-04-2017) Beppegrillo.it - 21/10/2017 05:11:50 - dedicated hosting forums , how to prevent pop ups , registry editor repair , dll trojan horse , norton antivirus software removal tool

Salute: perchè l'uomo promosso dalla Lorenzin a Bruxelles va rimosso (20-04-2017)

part3.jpgNella puntata di report andata in onda domenica viene ricordato il caso Pasqualino Rossi, arrestato e mai giunto a giudizio per avvenuta prescrizione e promosso da Lorenzin alla Rappresentanza permanente dell'Italia presso l'Unione Europea
ROMA, 20 aprile - "Tra gli effetti collaterali della puntata di Report sui vaccini andata in onda domenica scorsa c'è stato quello di riportare "all'onore delle cronache" Pasqualino Rossi, messo dal ministro Lorenzin alla Rappresentanza permanente dell'Italia presso l'Unione Europea. Rossi è stato più volte oggetto di atti parlamentari sia da parte del M5s sia di altre forze politiche ma al dicastero del Lungotevere hanno fatto orecchie da mercante. Ora torniamo a chiedere che il titolare della Salute proceda con urgenza alla sostituzione del dottor Rossi alla luce della vicenda che l'ha riguardato e della necessità di salvaguardare la credibilità dell'Italia presso l'Unione europea". Così o deputati M5s commentano l'interrogazione a prima firma Dalila Nesci. "Secondo i magistrati nel 2008 Rossi avrebbe fornito informazioni riservate e addirittura la password dei terminali dell'Agenzia europea del Farmaco a un manager che curava gli interessi delle case farmaceutiche. Sempre in base ai giudici, lo scopo sarebbe stato quello di informare il Manager sull'iter dell'approvazione del vaccino e questo in cambio avrebbe pagato Rossi vacanze, mobili, infissi e denaro. Rossi sarà arrestato nel 2008 dopo essere stato filmato mentre intascava una mazzetta da un altro manager, ma dopo 7 anni è scattata la prescrizione. Rossi ora è a Bruxelles: la puntata di Report è tornata a ricordarci un caso sul quale il ministro Lorenzin dovrebbe intervenire, stavolta non con una promozione, scrivendo la parola fine".

Leggi l'articolo Completo su Beppegrillo.it

Leggi l'articolo Completo su Beppegrillo.it

Aticoli Correlati