PMI Sud Italia, 80 milioni in arrivo dalla Banca Popolare Pugliese Quifinanza.it - 25/07/2017 06:54:37 - provincia di benevento , netwayphone dialer , lavasoftusa. , antivirous trial version , storefront hosting

PMI Sud Italia, 80 milioni in arrivo dalla Banca Popolare Pugliese

Il piano Juncker, che prevede investimenti in tutta Europa per oltre 600 miliardi di euro, continua a fare proseliti in Italia. Questa volta a beneficiarne saranno le piccole e medie imprese del Sud Italia. Infatti, grazie a un accordo tra FEI (Fondo Europeo per gli Investimenti) e la Banca Popolare Pugliese, l’istituto creditizio del Mezzogiorno beneficerà di una garanzia di 40 milioni di euro da parte del fondo su un totale di 80 milioni di euro. L’unica clausola da rispettare sarà che i prestiti dovranno essere erogati solamente alle piccole e medie imprese.

Cosa prevede l’accordo tra Banca Popolare Pugliese e FEI

Grazie alle garanzie assicurate dalla Fondo Europeo per gli Investimenti, la Banca Popolare Pugliese potrà finanziare i progetti delle piccole e medie imprese senza avere il timore di non veder rientrare i capitali prestati. Il FEI metterà a disposizione 40 milioni di euro che andranno a coprire il 50% del finanziamento della Banca Popolare Pugliese. Quindi in totale le piccole e medie imprese avranno a disposizione 80 milioni di euro da investire per acquistare nuovi impianti tecnologicamente avanzati e soprattutto per assumere giovani disoccupati.

A chi è rivolto il finanziamento

I soldi del finanziamento sono rivolti a tutte le piccole e medie imprese del Sud Italia, ma soprattutto alle startup che fanno ricerca in tecnologie innovative. L’obiettivo è far crescere le tante micro realtà presenti nel Sud Italia che hanno difficoltà nel trovare finanziamenti, ma soprattutto nel presentare garanzie affidabili alle banche e agli istituti finanziari.

Attuare il piano Juncker

Il lavoro del Fondo Europeo per gli Investimenti è finanziato direttamente dalla Banca Europea degli Investimenti che sta seguendo da vicino il piano Juncker (investimenti in Europa per oltre 600 miliardi di euro) e il programma Horizon 2020 che mira a innovare il ciclo produttivo europeo attraverso l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati. Nonostante alcune difficoltà legate soprattutto agli accordi con le varie istituzioni locali, il piano che prende il nome dal presidente della Commissione sta iniziando a dare i suoi frutti, anche se la crescita dell’Eurozona stenta a decollare.
Archiviato in:PMI Tagged: finanziamenti europei, fondo europei investimenti, pmi, pmi sud italia
Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati