Morire di caldo. A rischio il 36% della popolazione mondiale Aduc.it - 20/09/2017 16:34:05 - deleting starware , giant spyware removal , windows server 2003 cal , motorola pcs mobile phone tools , dedicated server non steam

Morire di caldo. A rischio il 36% della popolazione mondiale

  Nel momento in cui c’e’ un grosso allerta per le ondate di calore in corso, uno studio fa il punto sul rischio di “morire di caldo” in senso proprio. Pubblicato lo scorso 19 giugno nella rivista Nature Climat Change, questo studio conclude che questo pericolo colpisce oggi circa un individuo su tre nel mondo. Una proporzione che potrebbe crescere a tre su quattro verso la fine del secolo, se le emissioni di gas ad effetto serra continueranno con il loro attuale ritmo. Per fare la diagnostica, un’équipe americo-britannica di diciotto ricercatori, la maggior parte dei quali lavorano all’Universita’ delle Hawaii, ha analizzato la letteratura scientifica documentando i casi di mortalita’ supplementari associati ad ondate di calore, tra il 1980 e il 2014. Questa diagnostica ne ha identificati 783, osservati in 164 citta’ di 36 Paesi. Tra questi ci sono la canicola dell’estate 2003, che aveva provocato 70.000 morti in piu’ in Europa, di cui 20.000 in Francia, e circa 5.000 a Parigi, quella del 2010, a cui sono imputati 55.000 decessi in piu’ in Russia, di cui circa 11.000 a Mosca, o quella che aveva colpito Chicago a luglio del 1995, responsabile di piu’ di 700 morti. Gli autori hanno poi incrociato questi dati coi parametri climatici registrati a margine di questi episodi: temperatura dell’aria, relativo tasso di umidita’, potenza del sole, forza del vento.. E ne hanno dedotto che il fattore determinante, potendo alterare la capacita’ di termoregolazione dell’organismo umano e provocare uno stato di ipotermia, era l’accoppiata temperatura-umidita’, dove quest’ultima rafforza la percezione del calore. Essi hanno quindi calcolato un livello a partire dal quale l’associazione di queste condizioni ...

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Aticoli Correlati