Creval, Borsa Italiana: “Aumento fortemente diluitivo. Applicato modello rolling” Quifinanza.it - 24/02/2018 21:12:13 - best spyware remove tool , pc tattletale removal , precios de host , servidores dedicados vps , laptop internet security

Creval, Borsa Italiana: “Aumento fortemente diluitivo. Applicato modello rolling”

(Teleborsa) – Borsa Italiana dispone l’applicazione di alcune regole del “modello rolling” all’aumento di capitale delCredito Valtellinese in quanto ritenuto “fortemente diluitivo”. “Con riferimento al comunicato stampa di Credito Valtellinese del 14 febbraio 2018, ai sensi dell’art. 1.3 del Regolamento dei Mercati
organizzati e gestititi da Borsa Italiana l’operazione di aumento di capitale è qualificata ‘fortemente diluitiva’, pertanto trova applicazione la normativa di riferimento del cd. modello rolling di cui agli artt. 2.6.6, comma 4, e 3.3.1, comma 12, del medesimo Regolamento” si legge in una nota. I commi in questione prevedono che nel caso di esecuzione di Operazioni di aumento di capitale fortemente diluitive, l’emittente è tenuto a rendere disponibili gli strumenti finanziari rivenienti dall’esercizio dei diritti d’opzione in ciascuna giornata del periodo d’offerta dell’aumento di capitale, a partire dal momento in cui i diritti di opzione sono accreditati dal Servizio di Gestione Accentrata nei conti titoli e in modo da consentire al Servizio di Gestione Accentrata di gestire l’esercizio dei diritti in ciascuna giornata del periodo d’offerta. Inoltre gli operatori, in caso di espressa richiesta dei propri clienti, sono tenuti a gestire l’esercizio del diritto di opzione in ciascuna giornata del periodo d’offerta, a partire dal momento in cui i diritti di opzione sono accreditati dal Servizio di Gestione Accentrata nei conti titoli. Consob spiega che con il “modello rolling si risolve il problema della scarsità delle azioni durante il periodo d’offerta dei nuovi titoli e si permette alle dinamiche di mercato – in particolare, all’attività degli arbitraggisti – di eliminare le citate anomalie di prezzo”.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati