Cannabis legale in Uruguay. Non c’è aumento del consumo e meno sicurezza Aduc.it - 24/02/2020 11:24:46 - home refinancing rates , host my web page , remove agent bls trojan , dell windows xp recovery cd , free email spying software

Cannabis legale in Uruguay. Non c’è aumento del consumo e meno sicurezza

 Uruguay e Canada sono gli unici Paesi in cui l''uso della marijuana è stato legalizzato, e questo è un motivo sufficiente per gli accademici uruguaiani e non solo per concentrarsi sul nostro Paese, per conoscere l''impatto della regolamentazione. Lunedì, il National Drug Board ha presentato i risultati dell''VIII National Survey on Drug Use in Secondary Students Students, che ha dimostrato che l''uso di marijuana negli studenti delle scuole medie non è aumentato tra il 2016 e il 2018. Oltre a questi risultati, hanno presentato due indagini che hanno cercato di misurare l''impatto di questa politica a breve termine e ciò che ha generato la vendita di marijuana nelle farmacie. Impatto sui consumi "Effetti a breve termine della legge che regola il mercato della marijuana in Uruguay" è la ricerca di Magdalena Cerdá, professore associato del Dipartimento di Popolazione della salute della NYU Langone Health (centro affiliato all''Università di New York) e direttore del Centro di epidemiologia e politiche pubbliche relative agli oppioidi. Nel presentare il suo lavoro, Cerdá ha commentato che, dopo l''alcol e il tabacco, la marijuana è la sostanza più consumata al mondo (il 3,8% afferma di averla consumata nell''ultimo anno, ovvero 188 milioni di persone), e che in diversi Paesi il suo uso e la sua presenza sono aumentati. Ha ricordato che sebbene non si tratti di una droga associata a maggiori problemi di salute pubblica, un uso precoce e frequente comporta un rischio maggiore di disturbi psichiatrici (come la schizofrenia), problemi respiratori, che incidono negativamente sugli incidenti stradali e rendimento accademico e professionale. Cerdá ha iniziato col valutare i cambiamenti nelle percezioni del rischio e della disponibilità di marijuana, nonché la prevalenza, la frequenza e l''intensità del consumo. Per scoprire se i cambiamenti nell''uso della marijuana fossero dovuti solo all''applicazione della legge, ha deciso di confrontare l''evoluzione del consumo in Uruguay con quella di due Paesi della regione che non hanno avuto cambiamenti nella loro legislazione, in particolare con 24 province in Argentina e 15 regioni del Cile con le quali vi era una maggiore somiglianza sociodemografica. Il ricercatore ha affermato che nella popolazione generale (dai 15 ai 64 anni) la prevalenza dei consumi nell''ultimo anno e nell''ultimo mese dopo l''attuazione della legge in Uruguay ha avuto "un leggero aumento" (4,7% e 2,7 % rispettivamente), ma ha affermato che "nessuno di questi cambiamenti era statisticamente diverso da zero, cioè non era diverso da quello che ci si potrebbe aspettare per motivi di variazione casuale, non vi era un aumento maggiore dei consumi in Uruguay che potesse essere attribuito al legge". In relazione alla popolazione dai 15 ai 25 anni, in particolare, ha anche identificato un leggero aumento in Uruguay rispetto a quanto accaduto nelle regioni del Cile e dell''Argentina, ...

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Aticoli Correlati