Droghe illegali: sicurezza pubblica e sanitaria. Gioco delle parti a Firenze e in tutto il mondo Aduc.it - 12/12/2019 01:24:51 - com.org hijack , lovgate virus removal , dialer.17.h trojan horse , microsoft project server 2007 , server lease

Droghe illegali: sicurezza pubblica e sanitaria. Gioco delle parti a Firenze e in tutto il mondo

 Ieri 3 Diembre alla Prefettura di Firenze si è riunito il “comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica”. Oltre all’elenco dei dati delle azioni di polizia sul territorio (1), così si è espresso il Prefetto: “Abbiamo condiviso con il Sindaco una forte azione di contrasto contro lo spaccio di droga. Ma dobbiamo essere consapevoli che questa è solo l’altra metà del fenomeno. Se vogliamo stroncare il mercato, dobbiamo agire infatti sulla domanda, anzi sul consumo. Saremo impegnati pertanto su un’azione di prevenzione e di repressione intensa. A tale scopo nei prossimi giorni la Prefettura insedierà ‘Il tavolo permanente per la prevenzione ed il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti’”. A cui ha fatto eco il Sindaco Dario Nardella che ha annunciato una serie di interventi di natura sociale e culturale: “Se vogliamo davvero dare una risposta concreta al fenomeno della droga non basta dare la caccia agli spacciatori. Abbiamo già in programma un rafforzamento degli interventi con un pacchetto di iniziative che presenteremo nel dettaglio nei prossimi giorni”. Che come anticipa un quotidiano locale (2) si tratterebbe di sensibilizzazione verso i giovani sui rischi della droga, nonché il potenziamento della lotta alle dipendenze. Abbiamo fatto mente locale sui dati e soprattutto sugli intenti (lodevoli) dell’autorità prefettizia e di quella amministrativa e siamo tornati indietro di alcuni decenni e abbiamo riletto le stesse dichiarazioni e gli stessi intenti. Siamo andati un po’ avanti e un po’ indietro nel tempo e – nulla – il risultato era sempre lo stesso. Eppure Prefetti e Sindaci… sì che sono cambiati… ma la droga no! Anzi, è cresciuta ...

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Aticoli Correlati