Pioggia di vendite a Wall Street Quifinanza.it - 06/12/2019 19:15:04 - tomcat vps hosting , cf usb host adapter , linux email server , 3bsoftware.registryrepair , dedicated server affiliate

Pioggia di vendite a Wall Street

(Teleborsa) – Partenza in rosso per la borsa di Wall Street con il sentiment degli investitori condizionato dall’inasprimento delle tensioni commerciali. Il Presidente USA Trump non solo ha attaccato l’UE, minacciando dazi sui Paesi che introdurranno la digital tax, ma ha anche ipotizzato un rinvio degli accordi con la Cina fino alle elezioni presidenziali di novembre 2020. Una evoluzione inattesa dal mercato, che sperava in una più veloce chiusura dei negoziati e che, quindi, penalizza i settori più coinvolti, come quello tecnologico. Nessun particolare dato macroeconomico in agenda per oggi. Sulle prime rilevazioni, il Dow Jones accusa una flessione dell’1,18%; sulla stessa linea, vendite diffuse sullo S&P-500, che continua la giornata a 3.083,25 punti. In ribasso il Nasdaq 100 (-1,23%), come l’S&P 100 (-1,0%). Andamento negativo negli States su tutti i comparti dell’S&P 500. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti informatica (-1,51%), finanziario (-1,29%) e beni industriali (-1,26%). In questa pessima giornata per la Borsa di New York, nessuna Blue Chip mette a segno una performance positiva. Le peggiori performance si registrano su DOW, che ottiene -2,54%. Affonda Apple, con un ribasso del 2,47%. Crolla Caterpillar, con una flessione del 2,40%. In rosso Walt Disney, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,93%. Unico titolo in positivo del Nasdaq-100, Symantec mette a segno un +1,45%. Le più forti vendite, invece, si manifestano su Bed Bath & Beyond, che prosegue le contrattazioni a -3,79%. Vendite a piene mani su Nvidia, che soffre un decremento del 3,19%. Pessima performance per American Airlines, che registra un ribasso del 2,92%. Sessione nera per Mattel, che lascia sul tappeto una perdita del 2,88%.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati