Guerra alla droga. Verso un peggioramento stracciando la storia Aduc.it - 13/11/2019 17:55:43 - sannio vetri benevento , new xp virus , how do i uninstall isearch , us refinance mortgage , nws spyware

Guerra alla droga. Verso un peggioramento stracciando la storia

  Gli Usa sono un grande Paese, democratico e pluralista. Nella fattispecie, questo riconoscimento lo prendiamo in considerazione per le politiche sulle droghe. Gli Stati Uniti sono il maggiore laboratorio per la legalizzazione della cannabis medica e ricreativa, con molti Stati che hanno già provveduto in materia e dove il dibattito/confronto a livello federale è avanzato e, soprattutto (rispetto alle abitudini italiane di schieramenti politici), con pro e contro in tutti gli schieramenti. Nel contempo gli Usa sono, ad avviso di chi scrive, il principale responsabile della “war on drugs” (guerra alla droga) che, lanciata a suo tempo dal presidente Richard Nixon, ha collezionato vittime umane ed istituzionali in abbondanza. Soprattutto in America Latina e, in particolare, in Messico, principale fornitore (per produzione e/o transito) delle sostanze illegali che riforniscono il mercato clandestino Usa. La “war on drugs” in Messico, avviata a suo tempo con la collaborazione del presidente Felipe Calderon, non si è fermata con la fine del suo mandato, ma volenti o nolenti, ha coinvolto e continua a coinvolgere chiunque gli sia succeduto, incluso l’attuale Andres Manuel Lopez Obrador. Il Messico, di conseguenza, è oggi uno dei Paesi dove la presenza e il condizionamento dei cartelli dei narcos nella società, nella politica e nell’economia, sono tra i più eclatanti del Pianeta. Uno dei tanti fatti di cronaca di questi ultimi giorni, lo sterminio di una famiglia di mormoni messico-statunitensi, ha particolarmente infiammato le cronache. Anche perché è accaduta dopo che su disposizione del presidente Obrador, il figlio del boss narco El Chapo (in galera a vita in Usa), anch’esso sulle orme del babbo, catturato, è stato rilasciato ché altrimenti la reazione violenta dei suoi compari avrebbe comportato vittime e disordini pubblici più di quanto già ...

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Aticoli Correlati