Lanzarin (ass. Veneto): “Gli incassi garantiti dall’industria del gioco contano di più della salute dei cittadini, ecco perchè il M5S non approva norme nazionali più severe sull’azzardo” Agimeg.it - 21/11/2019 09:55:25 - download recover my files , cleaning self clean windows , iscsi host bus adapter , pc to pc usb software , giornale inglese

Lanzarin (ass. Veneto): “Gli incassi garantiti dall’industria del gioco contano di più della salute dei cittadini, ecco perchè il M5S non approva norme nazionali più severe sull’azzardo”

“Nessun favore alla lobby dell’azzardo: la Regione Veneto sta utilizzando tutti gli strumenti legislativi disponibili per aiutare i Comuni a contingentare punti di gioco e orari e arginare così il più possibile la ‘piaga sociale’ dei giocatori patologici. Ricordo che le direttive nazionali prevedono per le macchinette (Slot, Vlt e Awp) non più di 6 ore di interruzione obbligatoria al giorno. La legge veneta, con il provvedimento ora adottato dalla Giunta regionale del Veneto, aiuta a uniformare in tutto il territorio regionale gli orari di chiusura obbligatoria, per evitare che i giocatori migrino da un comune all’altro per soddisfare il proprio bisogno compulsivo”. Così, in Veneto, l’assessore regionale alla sanità e al sociale, Manuela Lanzarin, difende la ‘ratio’ del provvedimento adottato dalla Giunta che istituisce tre fasce orarie di stop obbligatorio per apparecchiature e punti gioco, uguali in tutto il territorio regionale: dalle 7 alle 9 del mattino, dalle 13 alle 15 e dalle 18 alle 20. “La delibera di giunta prevede testualmente che i comuni ‘possano aggiungere alle predette fasce orarie anche ulteriori fasce orarie di chiusura, anche in relazione alla situazione locale’. Rafforza quindi la possibilità degli enti locali di dare una ‘stretta’ ...

Leggi l'articolo Completo su Agimeg.it

Leggi l'articolo Completo su Agimeg.it

Aticoli Correlati