Scuola, sistema precari al collasso: arriva nuova proroga necessaria ma non risolutiva Quifinanza.it - 15/10/2019 23:28:48 - www chase com credit cards , personal injury lawyer oakland , hdd recovery utility , news 104 , serial server

Scuola, sistema precari al collasso: arriva nuova proroga necessaria ma non risolutiva

(Teleborsa) – Il Governo sembra voler correre ai ripari con la proroga, per la seconda volta, della validità delle graduatorie di merito della procedura concorsuale del 2016 prevista dalla legge 107/2015 (Buona scuola). Lo slittamento sarebbe inserito nello Schema di Decreto Legge di prossima approvazione. Come richiesto dal sindacato della scuola, Anief, il DL conterrebbe anche la possibilità per gli insegnanti di essere assunti l’anno prossimo, a domanda, anche in una regione diversa dove le graduatorie di merito sono esaurite. Questa possibilità – spiega la sigla sindacale – verrebbe estesa anche agli idonei delle Graduatorie di merito regionali ad esaurimento. L’organizzazione delle supplenze dei docenti è così “contorta” che “pur in presenza del record di posti vacanti non si riesce ad assumere i vincitori dei concorsi, i quali, per non perdere ogni diritto, sono costretti ad aggrapparsi alle proroghe e ad assunzioni fuori regione”, continua il giovane sindacato guidato da Marcello Pacifico. Soltanto a Palermo, nella scuola del primo ciclo, ci sono ben “400 vincitori che attendono l’agognato posto fisso che, di questo passo, ammesso che le graduatorie non scadano prima, dovranno attendere una quindicina d’anni prima di essere soddisfatti tutti”. Secondo Pacifico, “è una misura tampone necessaria ma non risolutiva, innanzitutto perché i vincitori hanno diritto a essere assunti dove hanno vinto il concorso e gli idonei che a domanda si trasferiscono in altra regione hanno diritto a rientrare con una mobilità straordinaria nel proprio territorio. Non è colpa loro se lo Stato prima bandisce concorsi su una previsione biennale di posti vacanti e disponibili salvo poi scoprire che non ci sono. Siamo pronti a chiedere emendamenti che coniughino il diritto alla famiglia con il diritto al lavoro. Ingiusto, infine, bloccare per cinque anni i neo-assunti, perché la continuità didattica si combatte eliminando la precarietà e le richieste di trasferimento con incentivi economici”.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati