Dombrovskis: “Presto per quantificare la flessibilità per l’Italia” Quifinanza.it - 20/09/2019 07:14:22 - ada ware free , ftdi usb host , regdiff download , adware pro , web hosting domain uk

Dombrovskis: “Presto per quantificare la flessibilità per l’Italia”

(Teleborsa) – Segnali incoraggianti dall’Italia con il cambio di Governo ma è ancora troppo presto per poter quantificare lo spazio di manovra sulla flessibilità. A dirlo è il vicepresidente della Commissione UE Valdis Dombrovskis al termine dell’Ecofin, durante il quale ha incontrato per la prima volta il neo ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. “È incoraggiante che Gualtieri mi abbia delineato l’intenzione di stare nelle regole del Patto, ha detto che sta guardando ad alcune flessibilità che esistono nel Patto, ma su flessibilità specifiche dobbiamo fare un’analisi approfondita, non posso trarre conclusioni ora”, ha dichiarato Dombrovskis. “Dipende in che stadio economico si trova l’Italia, cattivo, buono, normale, e questo sarà chiarito quando pubblicheremo le previsioni economiche“, ha proseguito il vicepresidente che si è detto “felice di incontrare il ministro Gualtieri per la prima volta nella nuova veste”. “Abbiamo discusso della situazione economica e di bilancio dell’Italia. Aspetto di proseguire la nostra cooperazione costruttiva”, si legge in un tweet pubblicato dopo l’incontro a due. Adesso, leggendo queste parole, sembrano lontani i tempi in cui l’Ue minacciava l’Italia con la sua procedura d’infrazione (che si potrebbe ormai dire a tutti gli effetti scongiurata). Intanto le intenzioni di Gualtieri in merito a Quota 100 e reddito di cittadinanza sembrano essere sempre più chiare. Il suo ministero, appoggiato dalla nuova linea dell’Esecutivo, confermerà entrambi i provvedimenti varati dal precedente Governo. Abolita invece sembra essere definitivamente l’idea di proseguire con la tanto discussa flat tax (voluta sopratutto dalla Lega), mentre sia Pd che M5s si trovano d’accordo sulla riduzione del Cuneo fiscale.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati