Seduta moderatamente positiva per Piazza Affari Quifinanza.it - 21/10/2019 05:09:46 - secure ftp server , bandwidth vps , dedicated server search , computer error , free best spyware remover

Seduta moderatamente positiva per Piazza Affari

(Teleborsa) – Lieve aumento per il FTSE MIB, al pari delle principali Borse Europee, all’indomani della mossa ultra-accomodante di politica monetaria di Mario Draghi per sostenere l’economia della Zona Euro. L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,32%. L’Oro guadagna lo 0,40%. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 55,16 dollari per barile nonostante il taglio deciso dall’OPEC. Lieve miglioramento dello spread, che scende fino a +136 punti base, con un calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta allo 0,87%. Tra i mercati del Vecchio Continente Francoforte avanza dello 0,60%, senza slancio Londra -0,03%, si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,47%. Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,53%, proseguendo la serie positiva iniziata mercoledì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 24.163 punti. Positivo il FTSE Italia Mid Cap (+1,19%), come il FTSE Italia Star (1,2%). Si distinguono a Piazza Affari i settori vendite al dettaglio (+3,24%), bancario (+2,73%) e costruzioni (+1,50%). Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori alimentare (-1,68%), sanitario (-1,54%) e beni industriali (-1,17%). Tra i best performers di Milano, in evidenza Unicredit (+3,86%), Fineco (+3,46%), UBI Banca (+2,87%) e BPER (+2,48%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Atlantia -7%. Pessima performance per Recordati, che registra un ribasso del 2,03%. Preda dei venditori Diasorin, con un decremento dell’1,83%. Si concentrano le vendite su Campari, che soffre un calo dell’1,76%. Tra i protagonisti del FTSE MidCap, MARR (+4,66%), Technogym (+4,12%), Datalogic (+3,77%) e Gima TT (+3,66%). Le peggiori performance, invece, si registrano su ASTM, che ottiene -2,02%. Vendite su Sias, che registra un ribasso dell’1,84%. Sostanzialmente debole Enav, che registra una flessione dello 0,78%. Si muove sotto la parità Acea, evidenziando un decremento dello 0,57%. (Foto: © Antonio Truzzi | 123RF)

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati