Draghi parla di nuovi stimoli e l’euro scende sotto 1,12 dollari. Trump lo accusa: concorrenza sleale Quifinanza.it - 14/11/2019 04:20:56 - svn hosting , business email hosting web , registry search utility , freeware scanner , microsoft small business server 2003

Draghi parla di nuovi stimoli e l’euro scende sotto 1,12 dollari. Trump lo accusa: concorrenza sleale

(Teleborsa) – Il Presidente della BCE, Mario Draghi, dal Portogallo rafforza il messaggio già lanciato nell’ultima riunione di politica monetaria della Banca centrale europea ovvero che l’Eurotower è pronto a intervenire con tutti gli strumenti a sua disposizione se l’inflazione resterà al di sotto degli obiettivi. Dall’altra parte dell’oceano il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump lo accusa di far scendere l’euro alimentando così una concorrenza sleale delle imprese europee. “Ulteriori tagli dei tassi di interesse e misure per mitigare qualsiasi effetto collaterale rimangono parte degli strumenti a nostra disposizione” e il quantitative easing “ha ancora uno spazio considerevole”, ha spiegato il banchiere europeo nel suo intervento al forum di Sintra. Di fronte all’apertura di una nuova fase espansiva della BCE l’inquilino della Casa Bianca con un tweet ha risposto così al governatore della Banca centrale: “Mario Draghi ha appena annunciato che potrebbero esserci più stimoli e questo ha subito fatto scendere l’euro contro il dollaro, rendendo ingiustamente più facile, per loro (l’Europa, ndr), competere con gli Stati Uniti. Sono anni che lo stanno facendo, insieme alla Cina e ad altri”. L’ipotesi di un ulteriore taglio dei tassi di interesse ha fatto scivolare la moneta unica sotto quota 1,12 dollari. Forti acquisti si sono registrati, invece, sui titoli governativi con il decennale Bund sceso al nuovo minimo storico. In calo anche lo spread BTP/Bund, sotto i 250 punti, in area 242 punti.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati