Borse positive con rinvio tariffe USA su auto Ue. Milano riduce perdite ma resta negativa con spread alto Quifinanza.it - 24/05/2019 19:54:52 - fibre channel host bus adapter , isearch infection , cookie kill , windows xp telnet server , cheval de trois

Borse positive con rinvio tariffe USA su auto Ue. Milano riduce perdite ma resta negativa con spread alto

(Teleborsa) – Finale a due velocità per le principali borse europee. I mercati del Vecchio Continente chiudono in positivo sostenuti dalla notizia rilanciata dalla Cnbc secondo cui l’amministrazione Trump avrebbe deciso di rinviare l’entrata in vigore dei dazi sulle automobili, che potrebbe essere posticipata di sei mesi. Piazza Affari, invece, resta in territorio negativo pur riducendo le perdite, penalizzata dallo spread elevato che ha messo sotto pressione il comparto bancario. L’Euro / Dollaro USA è stabile e si ferma su 1,12. L’Oro è poco mosso su 1.295,4 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) mostra un guadagno frazionale dello 0,66% dopo l’aumento inatteso delle scorte di greggio . Invariato lo spread, che si posiziona a +283 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,73%. Tra le principali Borse europee si muove in territorio positivo Francoforte, mostrando un incremento dello 0,90%. Denaro su Londra, che registra un rialzo dello 0,76%. Piccoli passi in avanti per Parigi, che segna un incremento marginale dello 0,62%. Piazza Affari archivia la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,14% sul FTSE MIB. In Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,35 miliardi di euro, restando invariato rispetto alla seduta precedente; i contratti si sono attestati a 267.664, rispetto ai precedenti 259.237, mentre i volumi scambiati sono passati da 1,06 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,77 miliardi. Su 219 titoli trattati in Piazza Affari, 154 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 56. Invariate le rimanenti 9 azioni. Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti tecnologia (+3,18%), automotive (+1,51%) e beni per la casa (+1,35%). Nel listino, i settori vendite al dettaglio (-2,14%), costruzioni (-2,05%) e immobiliare (-1,44%) sono stati tra i più venduti. Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, incandescente Ferragamo, che vanta un incisivo incremento del 9,85%. In primo piano STMicroelectronics, che mostra un forte aumento del 3,31%. Decolla A2A, con un importante progresso del 2,90%. In evidenza Pirelli, che mostra un forte incremento del 2,88%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su UBI Banca, che ha chiuso a -2,83%. Crolla Mediobanca, con una flessione del 2,82%. Calo deciso per Unipol, che segna un -1,95%. Sotto pressione Atlantia, con un forte ribasso dell’1,93%. Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Datalogic (+6,43%), Gima TT (+4,12%), Tinexta (+3,42%) e Inwit (+3,01%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Biesse, che ha terminato le contrattazioni a -5,62%. Vendite a piene mani su Carel Industries, che soffre un decremento del 4,36%. Pessima performance per Maire Tecnimont, che registra un ribasso del 4,31%. Sessione nera per Salini Impregilo, che lascia sul tappeto una perdita del 3,91%.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati