Mercati europei in rosso. A Milano crolla Banca Carige Quifinanza.it - 23/10/2018 14:37:41 - laptops with dedicated memory , web hosting companies in pune , conference call hosting , hacktool proxy , most popular blog host

Mercati europei in rosso. A Milano crolla Banca Carige

(Teleborsa) – Seduta negativa per i mercati del Vecchio Continente, dopo la pessima performance di Wall Street e delle piazze asiatiche preoccupate per le dure critiche di Trump alla Fed sul rialzo dei tassi. L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,46%. L’Oro, in aumento (+0,72%), raggiunge 1.203,2 dollari l’oncia. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 71,91 dollari per barile, in netto calo dell’1,72%. In salita lo spread, che arriva a quota 307 punti base, con un incremento di 13 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,59%. Tra gli indici di Eurolandia crolla Francoforte, con una flessione dell’1,19%, Londra mostra un decremento dell’1,68% mentre Parigi registra un ribasso dell’1,62%. Sessione negativa per Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre l’1,09%. Risultato positivo a Piazza Affari per i settori viaggi e intrattenimento (+1,25%) e telecomunicazioni (+0,70%). Nella parte bassa della classifica di Milano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti materie prime (-4,11%), costruzioni (-3,16%) e servizi finanziari (-2,70%). In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo UBI Banca (+1,09%), Telecom Italia (+0,99%), Banco BPM (+0,90%) e Unicredit (+0,51%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Tenaris, che continua la seduta con un -4,25%. Sessione nera per Saipem, che lascia sul tappeto una perdita del 3,91%. In caduta libera Ferragamo, che affonda del 3,56%. Pesante Azimut, che segna una discesa di ben -3,29 punti percentuali. Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Juventus (+3,17%), OVS (+2,02%), Aquafil (+1,66%) e Biesse (+1,16%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Anima Holding, che prosegue le contrattazioni con un -5,00%. Seduta drammatica per Sias, che crolla del 4,12%. Soffre Carel Industries, che evidenzia una perdita dell’1,71%. Sensibili perdite per Salini Impregilo, in calo del 3,53%. Sul listino completo pesante Banca Carige -6,12%: secondo Fitch l’ipotesi fallimento inizia a diventare realtà.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati