Borse europee chiudono in frazionale rialzo Quifinanza.it - 23/09/2018 23:40:29 - internet wash , fast secured loan uk , download spybuster , anti spam blocker , pc migration tool

Borse europee chiudono in frazionale rialzo

(Teleborsa) – Seduta tonica per le borse del Vecchio Continente, che chiudono le contrattazioni facendo segnare moderati guadagni. Resta lievemente indietro rispetto agli altri indici europei Piazza Affari. Intanto Wall Street si mostra poco mossa, quando siamo arrivati quasi al giro di boa. L’agenda macroeconomica vede protagonista l’Italia, con i prezzi al consumo che accelerano nel mese di agosto. Per quanto riguarda la Zona Euro, la bilancia commerciale a luglio si è mostrata in surplus per 17,6 miliardi di euro, in ribasso rispetto al mese precedente ed alle attese degli analisti. Lieve calo dell’Euro / Dollaro USA, che scende a quota 1,166. Seduta in frazionale ribasso per l’oro, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,44%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) archivia la giornata con guadagno frazionale dello 0,67%. Sulla parità lo spread, che rimane a quota 235 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,79%. Tra le principali Borse europee Francoforte avanza dello 0,57%, si muove in modesto rialzo Londra, evidenziando un incremento dello 0,31%, e bilancio positivo per Parigi, che vanta un progresso dello 0,46%. A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile (+0,19%), chiudendo la giornata su 20.885 punti, mentre, al contrario, piccolo scatto in avanti per il FTSE Italia All-Share, che arriva a 23.166 punti. In moderato rialzo il FTSE Italia Mid Cap (+0,28%); sulla parità il FTSE Italia Star (+0,19%). Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,41 miliardi di euro, in calo di 370,3 milioni di euro, rispetto ai 1,78 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 0,65 miliardi di azioni, rispetto ai 0,82 miliardi precedenti. Tra i 221 titoli trattati, 105 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso, mentre 98 hanno chiuso in ribasso. Invariati i restanti 18 titoli. Si distinguono a Piazza Affari i settori alimentare (+1,55%), beni per la casa (+0,89%) e viaggi e intrattenimento (+0,81%). Tra i peggiori della lista di Piazza Affari, in maggior calo i comparti sanitario (-1,01%), telecomunicazioni (-0,61%) e immobiliare (-0,50%). Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, svetta Saipem che segna un importante progresso del 3,48%. Buona performance per STMicroelectronics, che cresce dell’1,86%. Sostenuta Moncler, con un discreto guadagno dell’1,85%. Buoni spunti su Banca Generali, che mostra un ampio vantaggio dell’1,66%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Recordati, che ha chiuso a -2,06%. Tentenna Telecom Italia, che cede lo 0,90%. Sostanzialmente debole Atlantia, che registra una flessione dello 0,53%. Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Zignago Vetro (+3,77%), Enav (+3,07%), De’Longhi (+2,52%) e Brunello Cucinelli (+2,22%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su El.En, che ha chiuso a -3,07%. Crolla Aeroporto di Bologna, con una flessione del 2,14%. Calo deciso per Interpump, che segna un -1,83%. Sotto pressione Salini Impregilo, con un forte ribasso dell’1,80%.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati