Così il satellite Aeolus migliorerà le previsioni meteo sui venti. Un focus Agi.it - 20/09/2018 10:24:47 - benevento 25 dicembre , download latest spyware doctor , news unicredit , streaming video web hosting , dedicated server unlimited

Così il satellite Aeolus migliorerà le previsioni meteo sui venti. Un focus

Il 22 agosto, il satellite ADM-Aeolus dell’Agenzia spaziale europea (Esa) è stato lanciato in orbita con successo dalla base di Kourou, nella Guyana francese. Il progetto è il quinto tra le missioni principali della serie Earth Explorer dell’Esa, che studiano le componenti atmosferiche e l’impatto dell’essere umano sull’ambiente. Aeolus – la cui missione è costata in tutto circa 500 milioni di euro – ha l’obiettivo di migliorare le previsioni meteorologiche, grazie a una mappatura dei venti a livello globale. Girerà intorno alla Terra per i prossimi tre anni a 320 chilometri di altitudine: una distanza relativamente bassa rispetto a quella degli oltre 1.800 satelliti che sorvolano attualmente il nostro pianeta, anche ad altezze di decine di migliaia di chilometri. Il progetto ha avuto una gestazione lunga e complicata, soprattutto per la realizzazione dello strumento principale a bordo del satellite: un dispositivo lidar (Light Detection and Ranging) che consente di stabilire quanto è distante un oggetto, la sua velocità e la sua composizione chimica grazie all’emissione di un impulso laser. In pratica, il funzionamento di un lidar è simile a quello di un radar, solo che il primo usa la luce ultravioletta invece delle onde radio La sfida tecnologica di Aeolus stava nel riuscire a mettere una tecnologia simile sopra a un satellite e di assicurarsi che funzionasse a lungo nello Spazio: per vincerla, sono serviti oltre quindici anni di ricerche. Visti i continui rinvii del lancio, in diversi avevano cominciato a pensare che la sua realizzazione fosse addirittura «impossibile», come ha spiegato alla BBC Josef Aschbacher, direttore del Centro Esa per l’Osservazione della Terra. Ma ora Aeolus è finalmente in orbita, e punta verso la Terra un lidar chiamato Aladin (Atmospheric LAser Doppler INstrument), r ealizzato in Italia da Leonardo  e costituito principalmente da tre componenti. Il primo è appunto un sistema laser che dirige una serie di impulsi ultravioletti – con una lunghezza d’onda di 350 nanometri – verso gli atomi che compongono l’atmosfera a 30 chilometri di quota dal livello ...

Leggi l'articolo Completo su Agi.it

Leggi l'articolo Completo su Agi.it

Aticoli Correlati