Apple tocca quota 1.000 miliardi. E Wall Street ringrazia Quifinanza.it - 20/08/2018 10:24:18 - microsoft. updates , host irc channel , norton antivirus 2008 download , how to remove download.trojan virus , financial radio host

Apple tocca quota 1.000 miliardi. E Wall Street ringrazia

(Teleborsa) – Effetto Apple su Wall Street, che si allontana dai minimi dopo un avvio in forte calo. Il colosso di Cupertino ha toccato il massimo di sempre di 207,54 dollari, diventando la prima società quotata a raggiungere la capitalizzazione monstre di 1.000 miliardi di dollari. Un movimento, questo, che ha riportato l’attenzione degli investitori sul buono stato di salute della Corporate America e messo in secondo piano, seppure solo parzialmente, i timori per una guerra commerciale dopo la decisione dell’Amministrazione Trump di aumentare notevolmente i dazi su 200 milioni di dollari di prodotti Made in China.  Sullo sfondo il nulla di fatto in materia di tassi di interesse da parte della Federal Reserve, che però ha parlato di un’economia solida aprendo la strada ad un nuovo rialzo a settembre. Grande attesa per i numeri sul mercato del lavoro in arrivo domani. Intanto i sussidi alla disoccupazione sono rimasti stabili e ai minimi di circa 45 anni mentre ieri il report ADP ha rilevato la creazione di più posti del lavori delle attese degli analisti.  Il Dow Jones viaggia ora sulla parità a 25.329,89 punti mentre lo S&P-500 avanza dello 0,46%. Balza il Nasdaq 100 (+1,3%) trainato dalla Mela Morsa, al top tra i giganti di Wall Street con un guadagno del 3,01%. Bene anche Nike (+1,82%), Procter & Gamble (+1,66%) e Microsoft (+1,50%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Dowdupont, che ottiene -2,18%. Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Tesla Motors (+14,08%), Regeneron Pharmaceuticals (+6,61%), Express Scripts (+4,89%) e T-Mobile Us (+4,23%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Wynn Resorts, che ottiene -6,28%.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati