Trapianti di Posidonia oceanica nella rada di Augusta  Isprambiente.gov.it - 17/12/2018 12:00:34 - fix registry me , best spyware for vista , detection free removal software spyware , free download parasite remover , homestay host

Trapianti di Posidonia oceanica nella rada di Augusta

Il trapianto di Posidonia è stato realizzato nella Rada di Augusta, in località “Seno di Priolo” a giugno e novembre 2014, come misura di ripristino della prateria preesistente, nell’ambito del Progetto di Ricerca e Formazione “Tecnologie avanzate eco-sostenibili finalizzate alla bonifica ed al ripristino di aree marine costiere degradate (TETIDE)”. L’impatto sulla prateria di P. oceanica antistante l’area del Sito di Importanza Nazionale (SIN) di Priolo (SR), è legato ai danni provocati da decenni di scarichi industriali derivanti dalle attività del Polo Petrolchimico di Priolo-Melilli-Augusta.
Al fine di verificare come procede ad oggi il trapianto effettuato, Life SEPOSSO ha organizzato una tavola rotonda che si terrà a Augusta (SR), giovedì 12 luglio 2018, presso la Sala Municipale “Rocco Chinnici”, ore 9:00. La tavola rotonda ha l’obiettivo di affrontare i principali aspetti che riguardano la gestione dei trapianti di Posidonia oceanica, con un focus specifico sui trapianti effettuati come misura di recupero ambientale anche nell’ambito di aree come la rada di Augusta.
Il team di “SEPOSSO” allestirà, inoltre, stand informativi a Brucoli e Priolo per sensibilizzare la popolazione sul tema e capire quale sia il grado di conoscenza dei cittadini. Non mancheranno momenti dedicati ai più piccoli, con laboratori all’aperto e la possibilità di raccontare ai più giovani cos’è la Posidonia attraverso le avventure di due personaggi dei fumetti, “Posi” e “Donia”, creati per l’occasione.
In ultimo, nella giornata del 13 luglio sarà possibile assistere, su richiesta, alle immersioni dei ricercatori subacquei nelle zone dove è stato effettuato il trapianto. Sito Life SEPOSSO

Leggi l'articolo Completo su Isprambiente.gov.it

Leggi l'articolo Completo su Isprambiente.gov.it

Aticoli Correlati