Rifiuti, raccolta differenziata: il 69,9% delle famiglie italiane ritiene di sostenere un costo elevato Quifinanza.it - 16/07/2018 10:51:10 - mcse server 2003 , file recorvery , webcast hosting , downloader.lstbar.5.bm , bargain web hosting

Rifiuti, raccolta differenziata: il 69,9% delle famiglie italiane ritiene di sostenere un costo elevato

(Teleborsa) Nel 2016 ogni italiano ha prodotto circa 500 chilogrammi di rifiuti, per la precisione 496,7 Kg, (segnando +2,2% sul 2015) e ne differenzia più della metà, il 52,5% del totale in crescita di 5 punti percentuali sul 2015. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo i dati relativi alla “Raccolta differenziata dei rifiuti: comportamenti e soddisfazione dei cittadini e politiche nelle città” che prendono in esame il biennio 2016-2017, mostrando come i livelli più alti di produzione dei rifiuti siano in Emilia Romagna e Toscana, mentre Molise e Basilicata le regioni in cui se ne producono di meno. In termini di raccolta differenziata, quattro le regioni più virtuose che hanno contemporaneamente superato l’obiettivo del 65% di raccolta differenziata e una produzione totale al di sotto della media. Al primo posto la provincia autonoma di Trento (74,3% di raccolta differenziata rispetto al totale di rifiuti urbani prodotti, pari a 486,6 kg per abitante), al secondo il Veneto (72,9% di raccolta differenziata su 486,5 kg per abitante di rifiuti urbani prodotti). A seguire Lombardia, Friuli-Venezia Giulia e la provincia autonoma di Bolzano, le cui quote di raccolta differenziata sono rispettivamente 68,1, 67,1 e 66,4%, con una produzione totale di rifiuti urbani rispettivamente pari a 477,5, 481,1 e 475,5 kg per abitante
Per il 2017, spiega l’Istat, “si stima che l’85% delle famiglie effettui con regolarità la raccolta differenziata della plastica (39,7% nel 1998), il 74,6% dell’alluminio (27,8%), l’84,8% della carta (46,9%) e l’84,1% del vetro (52,6%)”. QUANTO CI COSTI – Nel 2017 il 69,9% delle famiglie ritiene di aver sostenuto un costo elevato per la raccolta dei rifiuti, mentre il 25,6% lo giudica adeguato. Sono le famiglie residenti nelle Isole  le più insoddisfatte: giudicano elevato il costo nell’83,4% dei casi, quota che scende al 61,1% nelle regioni del Nord-est. Per quanto riguarda il servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti, è molto soddisfatto il 26,3% delle famiglie italiane (il 35,2% nel Nord-ovest e il 31,9% nel Nord-est). Al di sotto della media nazionale le altre ripartizioni geografiche: 17,6% al Sud, 19,9% al Centro e 20,6% nelle Isole. Per migliorare, in termini quantitativi e qualitativi, la partecipazione alla raccolta differenziata, precisa l’Istat, il 93,4% delle famiglie vorrebbe maggiori informazioni su come separare i rifiuti; il 93,3% centri di riciclo e compostaggio più numerosi ed efficienti; l’83,3% detrazioni e/o agevolazioni fiscali o tariffarie, già esistenti in alcune aree del Paese”.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati