Trenitalia Puglia, firmato contratto di servizio con la Regione fino al 2032 Quifinanza.it - 15/08/2018 06:44:26 - free antivirus protections , application hosting services , free antivirus check online , sql express hosting , apache server virtual host

Trenitalia Puglia, firmato contratto di servizio con la Regione fino al 2032

(Teleborsa) – Trenitalia in Puglia fino al 2032 per rinnovare la flotta, incrementare l’offerta e migliorare le performance di qualità. Sono questi gli obiettivi del nuovo Contratto di Servizio con Trenitalia, valido fino al 2032, sottoscritto oggi 12 giugno a Bari da Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia e Orazio Iacono, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Trenitalia. Presenti Gianni Giannini, Assessore delle Infrastrutture e della Mobilità Regione Puglia, Tiziano Onesti, Presidente di Trenitalia, Maria Giaconia, Direttore della Divisione Passeggeri Regionale Trenitalia e Mariella Polla, Direttore Trenitalia Regionale Puglia. Il contratto prevede ricavi da corrispettivi medi annui di 72,3 milioni di euro e ricavi da biglietto medi annui di 31,6 milioni per un valore complessivo di 1.582 milioni in quindici anni. Grazie ai corrispettivi versati dalla Regione sarà possibile una pianificazione a lungo termine che prevede un aumento di produzione di 300mila treni*km: partendo da un’offerta di 6,3 milioni di treni*km del 2018, si passerà a 6,4 milioni di treni*km nel biennio 2019/2020 per raggiungere 6,6 milioni di treni*km a partire dal 2021.
 
Questo contratto consentirà a Trenitalia, facendo affidamento su un flusso di cassa costante e definito nel tempo, di programmare investimenti per 350 milioni di euro da destinare, tra l’altro, al rinnovo della flotta con l’acquisto di nuovi treni – circa 288 milioni, di cui 123,5 finanziati dalla Regione Puglia – e interventi di revamping per il miglioramento del comfort di viaggio. Saranno 43, in totale, i nuovi treni in consegna a partire dal 2021 con i primi 12 Pop, che affiancheranno i 3 Jazz che circoleranno sulle linee pugliesi dal 2019, riducendo l’età media dei convogli dai 29 anni del 2017 ai 4 anni tra il 2022 e 2023. Ulteriori 62 milioni di euro sono previsti per revamping e manutenzione ciclica dei treni, informatica e tecnologia e interventi sugli impianti.   Intanto nel capoluogo pugliese più di 30mila visitatori hanno partecipato alle iniziative promozionali del nuovo treno Pop di Trenitalia, con la possibilità di visitare un modello in scala del convoglio nella centralissima Piazza della Libertà. Il treno è progettato e costruito per le esigenze di chi dovrà viaggiarci e lavorarci, offrendo maggiori comodità e con un occhio alla sostenibilità, garantendo consumi ridotti ed una quasi completa riciclabilità dei materiali utilizzati. “La Puglia è tra le Regioni italiane che ha dimostrato, nel corso degli anni, di credere molto nell’importanza della mobilità ferroviaria – ha affermato l’Amministratore Delegato di Trenitalia Orazio Iacono – investendo adeguate risorse e programmando con attenzione l’offerta dei suoi servizi”.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati