Benvenuti su Sannioportale.it

ENAV, 650 milioni di investimenti nel Piano Industriale

(Teleborsa) – Né esuberi né alcun depauperamento delle competenze è previsto in ENAV dal piano quinquennale. Lo assicura la società che gestisce il traffico aereo civile in Italia rispondendo a notizie di stampa che fanno riferimento ad alcune interrogazioni presentate a differenti livelli istituzionali a cui l’Azienda risponderà nelle sedi opportune. ENAV specifica che non sono previsti nel piano quinquennale approvato a marzo e già comunicato al mercato, né esuberi né alcun depauperamento delle competenze. Il piano prevede significativi investimenti in sviluppo tecnologico e formazione del personale per continuare ad essere all’avanguardia nel settore del controllo dei voli; il piano prevede inoltre l’implementazione di nuovi processi operativi coerenti con le linee guida del Cielo unico europeo, finalizzati ad ottenere un sistema sempre più efficiente per le aerolinee, nel pieno e prioritario rispetto della sicurezza. ENAV sottolinea che il Piano Industriale 2018-2022 non prevede alcuno smantellamento del centro di controllo di Brindisi né tantomeno sono a rischio posti di lavoro. Il nuovo modello operativo previsto dal Piano, si allinea alle richieste della normativa comunitaria, come già avviato dai principali provider europei, e prevede il consolidamento a regime dei quattro centri di controllo di Roma, Milano, Brindisi e Padova sulle due sedi di Roma e Milano (che da sole già gestiscono il 65% del traffico di rotta) e la graduale e innovativa trasformazione tecnologica e industriale dei due centri di controllo di Brindisi e Padova in hub per la gestione da remoto di diversi aeroporti. Per quanto riguarda il centro di controllo di Brindisi, che gestisce attualmente l’11% del traffico aereo nazionale, non ci sarà nessun depauperamento: entro il 2022 sarà riqualificato in una struttura all’avanguardia in Europa e in un vero e proprio centro di eccellenza sia dal punto di vista delle tecnologie sia da quello delle professionalità che vi opereranno.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati