Benvenuti su Sannioportale.it

Ramadan. Il diritto a non-digiunare in Tunisia

 In Tunisia, un gruppo di associazioni di difesa dei diritti umani ha fatto appello con una lettera aperta perche’ le autorità proteggano “la libertà di coscienza e di religione”, autorizzando a mangiare e fumare in pubblico durante il ramadan, che comincia giovedì 17 maggio. Ogni anno, in virtu’ delle norme generiche sull’oltraggio alle buone abitudini e di circolari che risalono a diverse decine di anni fa, alcuni tunisini vengono arrestati per aver mangiato o fumato durante il digiuno. Interpellato l’anno scorso da parte di un deputato su una circolare del 1981 che ordinava la chiusura dei bar durante il ramadan, il ministero dell’Interno aveva risposto con una lettera in modo ambiguo, secondo una copia datata novembre e circolate in questi ultimi giorni tra i media tunisini. Il ministero giustificava la chiusura dei bar con il rischio di creare disagio nei digiunatori e di provocare degli attentati, assicurando ...

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Leggi l'articolo Completo su Aduc.it

Aticoli Correlati