Benvenuti su Sannioportale.it

Contanti: per chi preleva più di 3mila euro scatta la segnalazione a Bankitalia

Attenzione ai versamenti e ai prelievi: oltre la soglia dei 3mila euro scatterà la segnalazione automatica alla Banca d’Italia. Ad annunciarlo è la stessa Unità di Informazione Finanziaria (UIF), la task force anti-riciclaggio di via Nazionale: “Il sistema di rilevazione sarà completato entro quest’anno. Le segnalazioni, pertanto, potranno prendere avvio fra gli ultimi mesi del 2018 e l’inizio del 2019“. All’agenzia hanno spiegato che sono già iniziati “i lavori per richiedere a banche, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica la segnalazione mensile delle transazioni in contante per le quali non sussistano ulteriori specifici elementi di sospetto”. La novità è stata introdotta dal decreto legislativo 90/2017 per le norme anti-riciclaggio. “Nei prossimi giorni saranno avviati i confronti con gli operatori sulle forme e modalità di segnalazione”.
La soglia individuata, verosimilmente, sarà “almeno in fase di avvio, superiore a quella di 3mila euro, fissata dalla legge per i trasferimenti in contante fra i privati“. Per il momento l’Italia partirà con i movimenti in contante ma in futuro la comunicazione automatica antiriciclaggio potrà essere estesa ad altre fattispecie. Ad esempio in Australia vengono censiti tutti i bonifici verso l’estero. E negli Stati Uniti i conti esteri sopra una certa soglia finiscono nei flussi di comunicazione automatica. Leggi anche:
Assegni non trasferibili, attenzione alla maxi-multa
Pagare in contanti fino a 3mila euro: cosa cambia (e cosa si rischia)
Pochi prelievi al bancomat? Ora si rischia l’accertamento fiscale
Prelievi non giustificati: ecco chi rischia
Pagamenti, fatture, caparre e compro oro: contanti sì o contanti no?
Pagamenti con carte e bancomat, si cambia: arriva il tetto sulle commissioni
Soldi in banca, tutti i rischi che si corrono  

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati