Cefalonia, vedere il meglio dell’isola greca     Siviaggia.it - 17/11/2018 18:09:45 - pc system mechanics , free avg spy ware , the host of seraphin , news , ventrilo dedicated server

Cefalonia, vedere il meglio dell’isola greca    

A due ore di volo dall’Italia, Cefalonia, nelle Ionie, è una delle isole più belle della Grecia. Distrutta in parte da un terribile terremoto nel 1953, la punta Nord dell’isola è rimasta intatta ed è la zona più autentica e pittoresca dove andare in vacanza. Chi desidera trascorrere un soggiorno in Grecia, lontano dalla folla delle Cicladi, è Cefalonia che dovrebbe scegliere. Perché? Spiagge favolose, deliziosi borghi di mare, strade panoramiche, trekking nella macchia mediterranea, resti archeologici e tesori sommersi, sono solo alcuni dei motivi per cui andarci. Tra le spiagge più belle c’è Myrtos Beach. Non soltanto è la più spettacolare di Cefalonia, ma è anche tra le dieci spiagge più belle di tutta la Grecia. Dietro a una curva appare davanti agli occhi con i suoi colori abbaglianti: una grande baia con una lunga spiaggia di sabbia bianca affacciata su un mare turchese. La si raggiunge percorrendo una strada sterrata di dolci tornanti. D’estate è piuttosto affollata, ma c’è spazio per tutti. myrthos-beach-cefalonia Percorrendo una meravigliosa strada panoramica a picco sul mare che, da Argostoli, la Capitale di Cefalonia, corre lungo tutta la costa Ovest, si arriva al minuscolo borgo di mare di Assos. Immerso nel verde della macchia mediterranea, ci si arriva attraversando un bosco di ulivi e cipressi. Una piazzetta circondata da poche case colorate, che ospitano per lo più studios e alberghetti e da qualche ristorantino affacciati sul molo dove attraccano yacht e pescherecci. La penisola finale del villaggio si protende fino a collegare la terraferma con l’antico castello. Questa fortezza fu edificata alla fine del 1500 per proteggere questa zona di Cefalonia dagli attacchi dei pirati del Mediterraneo. Oggi è possibile salire a piedi sul promontorio e visitare le rovine dell’antica fortificazione. Assos è un ottimo luogo dove fare base durante una vacanza a Cefalonia. C’è anche una bella spiaggetta. cefalonia-assos-ionie-grecia Proseguendo lungo la costa si raggiunge un’altra delle spiagge più belle dell’isola, Dafnoudi. Nascosta dalla fitta vegetazione, si raggiunge a piedi (o in barca, il modo migliore per scoprire le numerose altre calette). La spiaggia è un vero paradiso. Per i più romantici c’è anche una grotta con una piccola spiaggia. I più fortunati, invece, possono incontrare qualche foca monaca che ama aggirarsi da queste parti. Cale e calette da favola si trovano lungo tutta la costa Nord-Est dell’isola, quella che si affaccia direttamente su Itaca, l’altra delle sette isole che formano l’arcipelago delle Ionie. Gli abitanti dicono che sono anche quelle preferite dagli italiani, perché sono più difficili da raggiungere e, per questo, anche meno frequentate. Si arriva con l’auto fino a un certo punto, poi ci si incammina tra la vegetazione fino a scorgere la macchia azzurra del mare. Sull’estrema punta Nord di Cefalonia da non perdere è anche il villaggio dei pescatori di Fiskardo, oggi rinomata meta turistica. Una piccola St Tropez greca, con case colorate in stile veneziano (per quasi 300 anni l’isola è appartenuta alla Repubblica di Venezia), eleganti ristorantini e bei negozi affacciati lungo il porto dove attraccano bellissime barche a vela e da dove partono le escursioni alla scoperta dei fondali marini dell’isola, che nascondono veri e propri tesori. fiskardo-cefalonia.ionie-grecia Nelle profondità del mare si nascondo grotte dai nomi suggestivi, come la Cattedrale, la Piccola chiesa, i Segreti di Venere, il Giardino di Gerusalemme. Ma ci sono anche relitti di navi e di aerei da esplorare e scogliere ricche di vita marina da scoprire. A Fiskardo non mancano le spiagge, ce ne sono ben due. Una proprio davanti al porto, dove l’acqua è cristallina, l’altra, Foki, è un po’ fuori dal paese ed è un piccolo eden nascosto tra gli ulivi. La Grecia è il regno dell’archeologia e anche a Cefalonia i resti del suo antico passato non mancano. Proprio a Fiskardo, affacciata sul mare, è stata rinvenuta una necropoli Romana risalente al II secolo a.C.. Gli scavi hanno riportato alla luce 27 tombe contenenti vasi di ceramica, gioielli e monete. La necropoli è visitabile gratuitamente. Per gli appassionati di passeggiate e di trekking, la punta Nord di Cefalonia è ricca di sentieri più o meno facili e più o meno lunghi da percorrere a piedi. Proprio da Fiskardo partono tre diversi itinerari: la Strada dei cipressi, il Percorso della batteria, la Strada del faro, ciascuno attraversa i bellissimi paesaggi dell’isola. Alcuni sentieri partono anche dal porticciolo di Assos, ma se ne trovano lungo tutta la strada panoramica che corre intorno alla punta di Cefalonia.

Leggi l'articolo Completo su Siviaggia.it

Leggi l'articolo Completo su Siviaggia.it

Aticoli Correlati