"L'intelligenza artificiale è una rivoluzione. Ma imprese e lavoratori non lo hanno ancora capito". Uno studio Agi.it - 19/09/2018 06:00:00 - swf file hosting , how to check registry , oest patrol , instant vps , asp.net 2.0 hosting

"L'intelligenza artificiale è una rivoluzione. Ma imprese e lavoratori non lo hanno ancora capito". Uno studio

Chi è andato allo stadio lo sa: ci sono ultrà che danno le spalle al campo. Non vedono la partita: tifano e basta. Ecco, quando si parla di lavoro, tecnologia e intelligenza artificiale, tra allarmisti e ottimisti si rischia di stare sempre in curva. Senza capire chi stia giocando e come andrà a finire il campionato. Il campo dice che potrebbe non esserci solo la “scomparsa di molti mestieri”: “Cambieranno la natura stessa del lavoro e dell'impresa e scomparirà l'associazionismo classico”. Lo afferma Roberto Podda, avvocato e responsabile del dipartimento di diritto del lavoro di K&L Gates Milano, che con AGI commenta i risultati di uno studio promosso dal K&L Gates Legal Observatory sul legame tra nuove tecnologie, lavoro e imprese italiane. Imprese e lavoratori lontani dall'AI Secondo la ricerca (che ha coinvolto 3000 persone), sei manager su dieci pensano che aziende e lavoratori italiani non siano ancora pronti ad abbracciare l'intelligenza ...

Leggi l'articolo Completo su Agi.it

Leggi l'articolo Completo su Agi.it

Aticoli Correlati