Avv. Agnello (StanleyBet): “Delegittimati 750 avvisi di accertamento. Per le imposte dopo il 2011 ci rivolgeremo alla Corte di Giustizia” Agimeg.it - 26/09/2018 10:40:02 - computer troubleshooting help , uk based web hosting , cpanel vps license , freeware for zire 72 , desktop search hijack

Avv. Agnello (StanleyBet): “Delegittimati 750 avvisi di accertamento. Per le imposte dopo il 2011 ci rivolgeremo alla Corte di Giustizia”

Con la sentenza della Corte Costituzionale di ieri sul prelievo sulle scommesse chiesto ai CTD “vengono delegittimati oltre 750 avvisi di accertamenti fiscali notificati dall’Agenzia Dogane e Monopoli e impugnati da Stanleybet davanti alle Commissioni Tributarie di tutta Italia”. E’ quanto dichiarato dall’avv. Daniela Agnello – legale di StanleyBet e di alcuni centri che avevano ricevuto le cartelle esattoriali – in una nota dove sottolinea che la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale della norma “nella parte in cui prevede che – nelle annualità precedenti al 2011 – siano assoggettate all’imposta le ricevitorie operanti per conto di soggetti privi di concessione e, nella specie, le ricevitorie Stanleybet”. La Corte appunto “ha dichiarato che le questioni di legittimità costituzionale (…) sono fondate, con riferimento alle annualità d’imposta precedenti al 2011″. Adesso, “I giudici tributari dovranno riconoscere l’intervenuta illegittimità costituzionale della norma e annullare gli avvisi di accertamento”. Secondo l’av. Agnello, inoltre, “La Corte, nella pronunzia in questione, è andata oltre i quesiti posti dal giudice tributario. ...

Leggi l'articolo Completo su Agimeg.it

Leggi l'articolo Completo su Agimeg.it

Aticoli Correlati