La stretta di Ryanair sui trolley Quifinanza.it - 17/08/2018 22:53:42 - download spyware anti , proliant server , personal injury florida , contratar hosting , itsbar remover

La stretta di Ryanair sui trolley

(Teleborsa) – Dalle ore 5 antimeridiane, prima dell’alba sostanzialmente, e in coincidenza con le operazioni che prevedono i primi decolli della giornata, nelle aerostazioni delle basi in cui Ryanair  fa “dormire” i suoi aeromobili, inizia l’etichettatura dei trolley da portare con sé quando il passeggero non abbia scelto una delle formule di priorità. La novità, introdotta dal principale vettore low cost, viene giustificata con la necessità di garantire i tempi di imbarco, che consentano di rispettare quelli del turn-around fissati in 25 minuti, ed evitare l’affollamento delle cappelliere. Finora, una volta saturi gli spazi a disposizione in cabina, gli addetti della società di handler provvedevano a etichettare il bagaglio sottobordo, senza costi aggiuntivi, caricandolo nella stiva. Al passeggero non restava che attendere la riconsegna dello stesso sui nastri nelle sale di arrivo. Cosa che continuerà ad avvenire per quanti sceglieranno di non pagare costi aggiuntivi e affidarsi a chi, negli aeroporti di partenza e destinazione, gestisce i bagagli. Ryanair non vuole rinunciare alla efficienza e puntualità. Peraltro, a tutti è noto come, sulle teste di chi prende posto a bordo, non ci sia spazio per tutti i bagagli a mano. Il trolley, delle misure giuste e consentite al punto da essere identificato nella commerciale di vendita con la dicitura “formato Ryanair”, è diventato ormai il bagaglio unico, spesso accompagnato dalla classica borsa o dallo zainetto per le donne e dalla classica 24 ore o portacomputer per chi viaggia per lavoro, che sia lui o lei. Ryanair sostiene che la nuova disposizione (solo chi paga la Priority ha diritto a portare il trolley in cabina) metterà ordine e farà guadagnare punti. Nel contempo ha aumentato il peso massimo dei veri e propri bagagli da stiva e ne ha ridotto le tariffe. I passeggeri che sceglieranno di non pagare costi aggiuntivi alla tariffa di volo si ritroveranno a prelevare il proprio trolley ai nastri di riconsegna dei bagagli insieme a coloro i quali avranno avuto necessità di imbarcare quelli più grandi e pesanti. Solo qualche minuto di attesa o forse no, perché la misura dell’efficienza riguarda anche le società di gestione aeroportuali, impegnate ogni giorno a migliorare e consolidare gli standard di qualità.

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Leggi l'articolo Completo su Quifinanza.it

Aticoli Correlati